Feeds:
Articoli
Commenti

AnimaTonda

 

Si spinse, lui, a guardar la ricchezza
delle sue mani troppo abbandonate
ad un silenzio che non volle
partendo alla ricerca d’una manualità
s_t_r_a_n_i_e_r_a

insicuro sotto un tetto umido di cantina
lo accolse
f_a_m_i_l_i_a_r_e
la presenza d’ una foglia:
non avrebbe mai tremato al suo passaggio
né mai si sarebbe spenta di ossigeno
negli anni
(quei tanti)
che sarebbero arrivati anche in assenza
d’una lettera che mi dedicò
sotto lacrima ribelle quale sono stata
riverbero imperturbabile e vivace.

Oggi in terra straniera
cresce la sua estensione
che forse l’orgoglio ha saputo cancellare
in un assopito soprabito sgualcito ;
tuttavia il suo portamento
ancora si stira addosso al rovescio.
Esiste
ancora
una mano,
ancora
tende fulmineo
ad aggrapparsi a quel tempo
stropicciato di aspettative senza ristoro
ed è quell’oggi che senza vela
s’inarca ad un segreto amore
che sempre veglia.
sopra
dentro
visceralmente
in me.

View original post

Annunci

Pulisco come in un film muto,

servo , mi presto.

La folla pregevole intorno a me

si uccide elegantemente

per un filo d’erba più verde.

Nella stanza dei conti impazziti

dipingo con lo straccio

arcobaleni di profumi e di pulito.

Ma si chiude la persiana

di uno sguardo gentile

quando incrocio fibre raffinate

che saprebbe dare un sussurro

alla stessa aria che condividiamo.

Nessuna armonia di riconoscenza

in danza di correlati incroci naturali.

Is this love

tiz

    Ci sono sere in cui si vive
    di certezze quando sai
    di trovare al tuo fianco
    la persona che ti ha cresciuta
    anche all’età di 40 anni.
    Ci sono giorni in cui
    vivi di questa carezza
    “costante”
    anche se “tutto passa”
    perchè è indelebile
    il respiro di chi ami
    che odora tra i pori
    della tua pelle
    non infastidita di maturare.
    E’ sapore di miele
    odorante di simbiosi

anche tra le nostre diversità.

Spettinata

content

Arpeggio indecisa
tra ombre di terra.
Fossile riemerso,
ricordo su cui pensare.
Lievemente appesantita
da squarci di cielo:
piove vapore
come a rinsavire
il già stato
che chiede di appartenermi.
Mi chiedo se riuscirò
a dar forma alle mie corde
di violino spettinato
e scoprire leggera
una sagoma che mi ha inventata.
All’improvviso (mi) compongo
e sorrido.

A metà tra…

Perrone

Mi sdoccio da invane fantasie
laddove esperienza non conquista
parole diluite a realtà.
Qualche goccia di memoria
qui e la è concorrenza
di sleale faziosità.
Tutt’al più m’incontro
tra apostrofi di solfeggiate vanità
in cui linea di confine
si slega tra sogno e oggettività.
E’ questa, forse, vita bella,
dove schizzo incompiute vite
di serenità.

Ariosa composizione

atmosfera_figura1

Ho etichettato
in paludi sommerse
molte aspettative
da cui respirare aria buona.

Poi leggermente
come passo di formica
ho visto affogare
il malizioso terreno
su cui credevo
potessero nascere fiori.

In attimi di così intensa
illusione
la forza è
illusione
anch’essa.

Il trambusto raccolto
non è altro che aria
cattiva e soffocante
da cui sparpagliare
velocemente
ogni utopia cresciuta
in odore di composta
esposizione…

TRIESTE

trieste

Chiassosa e lunare
tra brandelli
di vento trascinante.
Solare e suggestiva
tra il chiarore della piazza
sull’acqua sussurrante.
Forte e fragile
le mura di città
dove la storia di ieri
non l’ha mai consumata.
Si sale, si scende
tra velati odori
di passi boschivi.
Silente e ridente
il chiasso
di occhi fugaci.
Ed io,
straniera quì,
lascio scorrere
la sua aria di arcobaleno,
tra l’amore
che mi ha suonato
il tuonante sillabare:
RESTA.